Oltre gli ostacoli: una nuova voce per la disabilità

La nuova iniziativa editoriale è nata da un’idea dell’imprenditore roveretano Antonello Briosi, presidente della Fondazione Metalsistem Onlus, durante le Paralimpiadi estive di Tokio, dove l’attenzione del mondo, attraverso giornali, radio e televisioni, era concentrata al massimo sul mondo della disabilità, clamore continuato in ottobre durante il recente Festival dello Sport di Trento. L’obiettivo era di tenere desta l’attenzione e di focalizzare la disabilità dal punto di vista sportivo, dell’inclusione sociale, sanitario e di assistenza. Rivista sostenuta dalla Fondazione Metalsistem, già attiva con iniziative benefiche in Africa ed in Asia ed ora attiva sul territorio roveretano e della Vallagarina, dove sostiene una ventina di piccole realtà.

Fondazione Metalsistem Onlus che ha voluto accendere un faro su una delle emergenze della nostra società lanciando un messaggio di condivisione sui temi che ruotano attorno alla disabilità a 360 gradi, con la consapevolezza della necessità che occorra parlarne non soltanto ogni 4 anni.

Di qui la concretizzazione di fare da propulsore ideale di una nuova rivista che, partendo da un territorio di montagna, possa diventare un punto di riferimento locale, nazionale ed internazionale sulla disabilità, tematica senza confini o ideologie.

Giancarlo Rudari, giornalista, già caposervizio del quotidiano Trentino, è il direttore responsabile di “Oltre gli ostacoli”. Presidente del comitato scientifico l’immunoematologo pediatra Ermanno Baldo, già primario dell’Ospedale di Rovereto, direttore clinico dell’Istituto Pio XII di Misurina e del centro provinciale per la fibrosi cistica. Del comitato scientifico fanno parte anche il presidente Antonello Briosi e il giornalista Rocco Cerone.

Dopo il numero 0, uscito a dicembre 2021, per registrare le reazioni intanto del territorio trentino, l’esperimento sta proseguendo nel corso del 2022, con l’ambizione di diventare un punto di riferimento per chi è meno fortunato, delle loro famiglie e di tutti i soggetti che concretamente aiutano le persone con disabilità nello sport, nel lavoro, nell’assistenza.

Obiettivo della rivista è “superare gli ostacoli fisici, mentali e culturali legati al mondo della disabilità: abbattere le diverse barriere che, più o meno consapevolmente, si frappongono fra i cosiddetti “normodotati” e i cosiddetti “disabili”. In che modo? Attraverso la conoscenza reciproca, raccontando il mondo delle diverse abilità, l’attività delle molte associazioni attive sul territorio, l’impegno straordinario del volontariato… Conoscere queste tante realtà e metterle in relazione tra loro può aiutare a sottolineare l’aspetto dell’inclusività come elemento fondante della società. Ora c’è bisogno dell’aiuto e della collaborazione di tutti: idee, proposte e progetti sui quali lavorare tutti assieme per andare “Oltre gli ostacoli””. Partnership sono state avviate, tra gli altri soggetti, con la cooperativa sociale Dal Barba di Villa Lagarina per l’inserimento di ragazzi autistici, la Fondazione trentina autismo Casa Sebastiano di Coredo, la cooperativa sociale ABC IRIFOR dei sordo ciechi di Trento, il Comitato paralimpico del Trentino Alto Adige. Le prime copie della rivista sono state consegnate al presidente del CONI Giovanni Malagò, che le ha esposte nella sala delle fiaccole della sede romana del Comitato Olimpico Nazionale di Roma.

Documenti disponibili: