Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

Piazza Vittorio Emanuele 9 Cuneo Bra 12042 Località Pollenzo - Università degli Studi di Scienze Gastronomiche
Università degli Studi di Scienze Gastronomiche

Gli ambiti di interesse dell’Università degli Studi di Scienze Gastronomiche sono i processi e le pratiche di produzione, trasformazione e consumo del cibo, considerato nel più ampio patrimonio culturale e ambientale della biodiversità e della valorizzazione dei paesaggi rurali di interesse storico.

La ricerca accademica copre le seguenti aree:

  • Economics and Food Policy;
  • Internationality and Consumption Styles;
  • Memory and Landscapes;
  • Production and New Technologies;
  • Environment and Health.

La didattica, che si sviluppa in modo trasversale e interdisciplinare tra scienze naturali e scienze umane, attrae studenti da decine di paesi diversi, interessati ad un progetto formativo che coniuga teoria e pratica, saperi “esperti” e saperi “locali”, savoir-faire e fantasia, secondo un modello relazionale e inclusivo che valorizza le diversità culturali nel più ampio progetto per un cibo buono, pulito e giusto.

La didattica è arricchita dai Viaggi Didattici che promuovono l’osservazione e l’esperienza diretta tramite l’incontro con i produttori in Europa e nel mondo, per esplorare le specificità e le esternalità positive, ambientali e sociali, dei sistemi di produzione, preparazione e consumo locali.

Tra i progetti scientifici, i Granai della Memoria raccolgono in video le memorie e i saperi orali e gestuali del mondo rurale e delle sue produzioni alimentari nelle diverse aree del pianeta, con particolare interesse per le montagne che, con i loro cibi e paesaggi rurali (terrazzamenti, castagneti, alpeggi, ecc.) sono al centro di numerose narrazioni disponibili sul sito web.

Nella stessa traiettoria è l’Arca del Gusto, un percorso di ricerca attraverso le biodiversità del globo, volto a individuare e salvaguardare il patrimonio di prodotti alimentari a piccola scala a rischio di estinzione e a fornire nuova linfa all’economia locale delle aree marginali